Nuova richiesta :
Vi suggeriamo :

Prodotti e servizi

Gli articoli

Offerte

Videocamere per la sorveglianza e allarmi

Una delle preoccupazioni di un dirigente o titolare d’impresa è quella di proteggere la propria azienda ma soprattutto merci e strumenti. State quindi pensando ad un sistema di allarme o di videosorveglianza per proteggere al meglio la vostra azienda? Avete forse già delle videocamere installate ma pensate che non sia più al passo con i tempi? Cosa vi offre oggi il mercato per proteggere al meglio la vostra struttura? Grazie alle nostre guide e al supporto del nostro servizio potrete valutare i migliori sistemi ed identificare le soluzioni che più si addicono alle vostre esigenze. Per avere un parere senza impegno e magari un preventivo vi basta fare una richiesta gratuita seguendo questo link.

Videosorveglianza

Quali sono le soluzione per ottimizzare il livello di sicurezza della propria attività?

Le soluzioni, per quanto riguarda i sistemi elettronici sono numerose ed oggi molto efficaci. Sono adattabili e modulabili secondo le proprie necessità:

  • La videosorveglianza permette di visionare a distanza i propri locali grazie all’installazione di videocamere analogiche o numeriche.
  • L’installazione delle videocamere va spesso in binomio con un contratto di telesorveglianza in cui il fornitore interviene una volta che l’allarme è innescato.
  • Gli allarmi, multiforme, hanno come obbiettivo quello di allertare un soggetto in particolare o una società di telesorveglianza in caso di pericolo.
  • I controlli d’accesso rendono sicuri le entrate e le uscite dal proprio stabile, autorizzano o meno un soggetto ad accedere a determinate aree e aiutano nella gestione del flusso dei visitatori.

Videosorveglianza e telesorveglianza: l’installazione delle telecamere

Qual’è la differenza?

La videosorveglianza è un sistema di controllo di uno spazio pubblico o privato che si basa sull’installazione di un insieme di videocamere di sorveglianza in cui le immagini registrate possono essere consultabili in diretta o in differita.

La telesorveglianza è un sistema che mette in contatto la vostra azienda con un centro di telesorveglianza. L’operatore dedicato alla telesorveglianza è allertato in caso di problemi (intrusione, fumi, etc.) grazie alla presenza dei rilevatori.

L’operatore può quindi richiedere un intervento se ritenuto necessario.

La telesorveglianza è quindi un servizio che puo essere rinforzato con l’aggiunta di un servizio di videosorveglianza.

Quanto costa ?

Il prezzo di un sistema di videosorveglianza è molto variabile, a seconda delle necessità, del livello di efficacia attesa e della qualità del materiale utilizzato. Tuttavia si può dire in generale:

  • Che vi costerà qualche decina di euro se scegliete una semplice webcam accompagnata da un software di videosorveglianza gratuito, collegato, ad esempio al vostro telefono.
  • I primi prezzi si posizionano a 200€ per un sistema composto da 2 videocamere IP ma puo salire fino a 5.000€ per una decina di videocamere IP.
  • Per un sistema analogico di 4-5 videocamere bisogna prevedere fra i 500€ ed i 1.000€.
  • Ben inteso, un sistema di alta gamma con 15 o più telecamere può andare ben al di sopra dei 5.000€. Un intervento invece avrà un prezzo a partire da circa 150€.

In quanto al contratto di telesorveglianza, gli importi dell’abbonamento dipendono molto dal tipo di prestazione scelta e della superficie dei locali da sorvegliare. Il budget può variare dai 50€ per una prestazione di base a circa 600€ per un servizio più completo su di una superficie importante. Per una videocamera munita di rilevatori bisognerà contare fra i 300 € ed i 400€. Ricevete già da ora dei preventivi gratuiti!

Quadro legislativo

(Provvedimenti del Garante della Privacy del 29 novembre 2000 e del 29 aprile 2004).

Il quadro legislativo tale che espresso dal garante sulla privacy varia sensibilmente a seconda dei videosorvegliati.

  • Nel caso si tratti di un luogo aperto al pubblico, la videosorveglianza dovrà essere segnalata attraverso l’idoneo cartello designato dal garante della privacy riportare l’autorizzazione della prefettura.
  • La durata dello stoccaggio delle immagini deve essere commisurata al livello di rischio, ovvero non deve di norma superare le 24 ore tranne per i luoghi particolarmente a rischio, quali ad esempio, banche, per i quali la durata può essere superiore.
  • Nel caso si tratti di luoghi di lavoro non aperti al pubblico la finalità deve essere chiara: ovvero garantire la sicurezza ed in nessun caso quella di sorvegliare il lavoro del personale. In qualsiasi caso la videosorveglianza non deve andare contro le norme in termini di diritti dei lavoratori.

Videosorveglianza e assicurazioni

In materia di videosorveglianza le compagnie d’assicurazione hanno a volte accordi specifici con fornitori qualificati. Non esistate a rivolgervi al vostro assicuratore che potrebbe farvi approfittare di tariffe preferenziali e farvi risparmiare sui costi assicurativi.

Sistemi di allarme

Quali sono gli elementi che compongono un sistema di allarme ? Come posizionarli sul luogo da proteggere? Perché il parametraggio di un sistema è importante? Sono fra le tante domande che bisogna porsi prima di scegliere il proprio sistema di allarme.

Un sistema di allarme si compone solitamente di:

  • Una centralina d’allarme,
  • Dei rilevatori,
  • Un trasmettitore,
  • Un emettitore di segnali sonori.

Allarme a filo o wireless?

Allarme wireless

Vantaggi:

  • Installazione semplice,
  • Facilità di evoluzione.

Inconvenienti:

  • Possibilità di interferenze soprattutto quando il luogo da proteggere si trova in città (probabilità più alta),
  • Necessita di una verifica regolare (ed eventuale cambio) delle batterie.

Allarme a filo

Vantaggi:

  • Più affidabile a livello di sicurezza: risulta più difficile per un ladro scardinare un sistema a filo in quanto il taglio o un’azione sull’impiantistica portano all’azionamento automatico dell’allarme.
  • Autonomia: apparecchi agganciati direttamente all’impianto elettrico.
  • Tariffe spesso un po’ inferiori, anche se molto legate alla superficie da proteggere.

Inconvenienti:

  • Necessita l’intervento di un professionista.
  • L’installazione è definitiva.
  • I rilevatori anti intrusione: si tratta di rilevatori di movimenti e rivelatori di apertura legati a porte e finestre.
  • Rilevatori anti incendio: si tratta di rilevatori di fumo o di calore
  • Rilevatori di gas.
  • I rilevatori di movimenti vengono piazzati ad altezza uomo per evitare che gli animali domestici inneschino l’allerta.
  • I rilevatori d’apertura vengono piazzati lungo i bordi di porte e finestre.
  • I rilavatori di gas o anti-incendio sono installati al soffitto o nella parte alta delle pareti.

Esistono diversi modelli di rilevatori

Dove installarli?

  • I rilevatori di movimenti vengono piazzati ad altezza uomo per evitare che gli animali domestici inneschino l’allerta.
  • I rilevatori d’apertura vengono piazzati lungo i bordi di porte e finestre.
  • I rilavatori di gas o anti-incendio sono installati al soffitto o nella parte alta delle pareti.

 

Iniziate la richiesta di preventivo nella categoria Videosorveglianza